Clicca per votare agriturismievacanze.it


AGRITURISMI IN ZONA
Casa sul Fiume Agriturismo
14,7 km a circa 23 min
Osteria-Emporio - Bed &...
37,7 km a circa 57 min

Hai un agriturismo nei pressi di questo itinerario e non sei presente?
Pubblicizza il tuo agriturismo!



ITINERARI CONSULTATI
Marostica, la città...
Veneto: Marostica (VI)


CONDIVIDI

Marostica, la città degli scacchi

Veneto: Marostica (VI)

Itinerario di viaggio
consultato 4759 volte

La città di Marostica è un meraviglioso centro medievale di età scaligera (intorno al XIV secolo) che conserva ancora In maniera perfetta le mura, con i loro merli e torri, i quali collegano il Castello Inferiore a quello Superiore.

Fiorente cittadina della provincia di Vicenza, Marostica è nota in tutto il mondo per la partita a scacchi che si svolge ogni due anni (negli anni pari) con personaggi viventi nella pittoresca cornice della piazza cittadina, nella seconda settimana di settembre.

È proprio per questa storica e stupenda manifestazione che la città vicentina è conosciuta nel mondo anche come la città degli scacchi.

Marostica è un comune molto attivo dal punto di vista culturale e folkloristico, vistando la città infatti, magari soggiornando in un bell'agriturismo nella provincia di vicenza, scoprirete che la città quasi ogni domenica è palcoscenico di una qualche manifestazione.

Manifestazioni importanti sono la festa di primavera, la sagra delle ciliegie a fine maggio. In primavera viene presentata la Rassegna grafica "Umoristi a Marostica" che dal 1969 propone una mostra a tema, con opere dei maggiori artisti internazionali di grafica umoristica.

LA PARTITA A SCACCHI TRA PERSONAGGI VIVENTI

La storia della Partita risale al lontano 1454 quando Marostica era una delle fedelissime della Repubblica Veneta. La storia narra che due nobili guerrieri Rinaldo d'Angarano e Vieri da Vallonara, si innamorarono entrambi della bella Lionora, figlia del Castellano di Marostica e, come era solito in quei tempi, si sfidarono in un duello.

Il Castellano, che non voleva creare inimicizie tra i giovani, nè perderli in duello, proibì lo scontro, forte di un editto di Cangrande della Scala, e decise quindi che Lionora avrebbe sposato il giovane che avesse vinto una partita al nobile gioco degli scacchi: colui che fosse uscito sconfitto sarebbe diventato comunque suo parente sposando Oldrada, sua sorella minore.

L'incontro di scacchi si sarebbe dovuto svolgere in un giorno di festa nella piazza del Castello da Basso, con dei pezzi grandi e viventi, armati e segnati delle nobili insegne dei bianchi e neri, il tutto doveva avvenire in presenza del Castellano, della sua nobile figlia, dei Signori di Angarano e di Vallonara, dei nobili e del popolo tutto.

E così ancora oggi tutto si ripete come la prima volta, in una tripudio di bellissimi costumi fastosi, di gonfaloni multicolori, di importanti parate, di massima eleganza e tutti rivivono oggi quasi per miracolo questa fantasia.
Il contenuto è stato reperito su internet. Vi preghiamo di verificare date e/o orari che potrebbe risultare incorretti, agriturismievacanze.it esclude ogni responsabilità derivante dall'uso di tali informazioni.




  • Mappa itinerario

caricamento mappa...



AgriturismieVacanze è prodotto dalla Enetwork srl - tutti i diritti sono riservati - copyright © 2012 - p.iva 03370150546 - capitale sociale 10.000€ i.v. - Condizioni di utilizzo